Close

Claudio Vergnani

Claudio Vergnani nasce a Modena nel 1961.
Svogliato studente di Liceo Classico, ancor più svogliato studente di Giurisprudenza, preferisce passare il tempo leggendo, giocando a scacchi e tirando di boxe. Allontanato per indisciplina dai Vigili del Fuoco, dopo una breve e burrascosa parentesi militare ai tempi del primo conflitto in Libano, sbarca il lunario passando da un mestiere all’altro, perso nei ruoli più disparati, ma sempre in fuga da obblighi e seccature.
Nel 2009 si fa conoscere ed apprezzare, grazie a uno stile originale e innovativo – che intreccia ironia, horror e action a una malinconica vena esistenziale – con il suo primo romanzo, Il 18° Vampiro, seguito da Il 36° giusto (2010) e da L’ora più buia (2011), trilogia pubblicata dalla casa editrice Gargoyle di Roma.
Nel 2010 partecipa con il racconto Il nuotatore all’antologia Stirpe angelica, edita da Edizioni della Sera.
Collabora con riviste e magazine come Scheletri, Il Posto Nero, Letteratura Horror, Nero Cafè e Altrisogni, pubblicando recensioni e racconti.
Nel 2013 pubblica I Vivi, i Morti e gli Altri con Gargoyle books e il thriller Per ironia della morte con Nero Press.
Nel 2015 escono La Sentinella – definito un romanzo distopico religioso –, per Gargoyle Books e l’ebook Lovecraft’s Innsmouth per Dunwich edizioni, che dalla sua uscita permane in
classifica ebook horror di Amazon, è stato tradotto in portoghese, e di prossima traduzione in spagnolo e inglese.
Nel 2016 pubblica il thriller La Torre delle ombre con Nero Press e A volte si muore, noir ispirato ai romanzi d’appendice, con Dunwich edizioni.
Nel 2017 pubblica per Acheron Books il racconto “Il canto della città” contenuto nell’antologia “Dark Italy”, una raccolta di racconti di alcuni fra i più apprezzati scrittori horror italiani per la prima volta riuniti insieme.